Skip to content


03 18 – No alla nuova guerra per l’Africa. Presidio antimilitarista

Domenica 18 marzo ore 16
nell’ambito della week of action contro le imprese militari italiane in Africa
presidio antimilitarista
in via Po 16

Truppe italiane in Niger, Libia, Tunisia…
Le guerre per l’Africa

Un contingente di parà della Folgore partirà presto per il Niger. Seguiranno specialisti del Genio, addestratori, esperti delle forze speciali.
Sulla carta una missione contro il terrorismo nel cuore del Sahel. La missione in Niger è l’ultimo tassello di una strategia di esternalizzazione della repressione dell’immigrazione. Decenni di campagne mediatiche hanno trasformato le migrazioni in un fronte di guerra.
Porre le basi per nuovi campi di concentramento per migranti a sud della Libia è un programma più volte accarezzato dai governi in questi anni. Un’impresa improbabile in una regione desertica con un confine lunghissimo, dove le rotte possono cambiare rapidamente.
Resta tuttavia la volontà di piazzare truppe lungo la rotta nigerina per rendere ancora più difficile il passaggio di profughi e migranti.
Quest’anno è previsto anche un maggiore impegno militare in Libia e l’inaugurazione di un nuovo fronte in Tunisia, per difendere il Transmed, il gasdotto che porta il gas algerino in Sicilia.
“Aiutiamoli a casa loro”, lo slogan più gettonato e tragico degli ultimi anni, è destinato a finire in soffitta.
Lo scorso anno l’Italia ha stretto un accordo con il debole governo della Tripolitania per i respingimenti in mare.
In estate il governo ha cacciato dal Mediterraneo buona parte delle ONG che soccorrevano la gente dei gommoni, accusandole di collaborare con gli scafisti.
Qualche giorno fa Segen, un giovane eritreo, è morto subito dopo lo sbarco in Italia. Secondo i medici è stato ucciso dalla fame. Il sindaco di Pozzallo ha paragonato gli uomini e le donne sbarcati con Segen agli ebrei scampati ad Auschwitz. Ed è proprio così. Segen era rimasto in una prigione per migranti in Libia per 19 mesi.
Da agosto l’Italia paga le milizie di Zawiya e Sabratha che proteggono gli impianti dell’ENI e gestiscono il traffico dei migranti, affinché blocchino le partenze. Tutti sanno che la Libia è un inferno per la gente in viaggio: sequestri, ricatti, torture, stupri per ottenere un riscatto dalle famiglie.
Gli esecutori di questi crimini sono a Tripoli o a Sabratha, i mandanti sono a Roma in parlamento.
L’ipocrisia del governo maschera gli obiettivi, ma il nuovo target dei militari tricolori è chiaro: “Ammazziamoli a casa loro.”

Ma. La posta dei militari italiani in Africa è molto più alta: mettere le mani sulle immense risorse di un continente depredato, schiavizzato e colonizzato da secoli. A sud del Sahara la gente non mangia quello che produce e non produce quello che mangia: il colonialismo,impose monocolture di caffè e cacao e impose il riso prodotto nelle colonie asiatiche come alimento principale. In Africa il colonialismo non è mai finito.
Il Niger è un paese ricco di uranio, il combustibile delle centrali nucleari. Un minerale di importanza strategica per la Francia, che ha centrato sull’atomo la propria strategia energetica. Con la missione in Niger l’Italia mette i piedi nell’Africa “francese” che a sua volta dal 2011 aveva tentato senza successo di mettere i propri in Libia, per contrastare il monopolio dell’ENI ed imporre la Total.

Nel 2018 la spesa militare crescerà dell’8,6%. Per missioni all’estero, mantenimento di basi e poligoni, nuovi sistemi d’arma verranno spesi 25 miliardi.
Soldi sottratti a pensioni e salute. Così anche in Italia i poveri muoiono prima. Usurati dal lavoro, senza soldi per la sanità privata, senza futuro per figli e nipoti. Ma la “colpa” è delle popolazioni africane depredate e private di risorse ed autonomia alimentare. La colpa è di chi fugge guerra e povertà, non di chi saccheggia, devasta e depreda un intero continente.

Le guerre dell’Italia per decenni sono state coperte da giustificazioni umanitarie: oggi il mantra è la “lotta al terrorismo”, nel cui nome si giustificano le città distrutte, i corpi dilaniati, i bambini spauriti, i migranti che muoiono in viaggio. Occupazione militare, bombardamenti, torture e repressione non fermano la Jihad ma la alimentano.
Guerra esterna e guerra interna sono due facce delle stessa medaglia. Militari italiani in Libia e Niger come nelle strade delle nostre città dove vanno a caccia di senza documenti, per reprimere le insorgenze sociali.
La propaganda è la stessa: le questioni sociali, coniugate in termini di ordine pubblico, sono il perno su cui fa leva la narrazione militarista.

La rivolta morale non basta a fermare la guerra, se non sa farsi resistenza concreta.
Per fermare la guerra non basta un no. Occorre incepparne i meccanismi, partendo dalle nostre città, dal territorio in cui viviamo, dove ci sono caserme, basi militari, aeroporti, fabbriche d’armi, uomini armati che pattugliano le strade.

Assemblea Antimilitarista
prossima riunione martedì 27 marzo ore 21 alla FAT in corso Palermo 46
antimilitarista.to@gmail.com

 



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it