Skip to content


01 29 – Una solidarietà senza confini: presidio al negozio Benetton di via Po

Lunedì 29 gennaio
ore 17
al negozio Benetton di via Po 8 – abiti bambini
presidio

Le maglie Benetton sono macchiate di sangue
Il governo argentino ha deciso di regolare i conti con le comunità resistenti dei mapuche, che hanno recuperato, occupandoli, spazi nelle terre tradizionali delle popolazioni indigene, che non avevano e non intendono adottare la proprietà privata. Quelle terre vennero vendute a metà Ottocento dallo Stato a varie multinazionali, soprattutto inglesi per l’industria estrattiva. Dagli anni Novanta del secolo scorso 930.000 ettari sono passate al colosso manifatturiero Benetton, che le utilizza per farvi pascolare le proprie pecore da lana.
Benetton è complice della repressione durissima contro la popolazione mapuche in lotta. Nonostante i diversi tentativi di insabbiamento, è ormai chiara la partecipazione diretta degli uomini di Benetton all’attacco alla comunità Mapuche sul rio Chabut e nella sparizione e morte di Santiago Maldonado.
Benetton fa la parte del leone, ma i buoni affari nella regione sono molti altri: miniere d’oro, acqua, e il turismo di massa.
Il 25 novembre, durante un attacco armato ad una comunità recuperata nel parco nazionale di Villa Mascardi, la polizia ha ucciso
Rafael Nahuel, il ferito gravemente altri due attivisti, sequestrato e fatto sparire diversi altri.
Dal 2009 Rafael è il 14° attivista ucciso dalla polizia.

Il governo Macrì sta scatenando una durissima repressione contro ogni forma di opposizione sociale.
Chi ha espresso solidarietà con le comunità mapuche resistenti viene accusato di complicità con il terrorismo.
L’accusa ha investito, tra gli altri, anche la Federazione Libertaria Argentina.
L’Internazionale di Federazioni Anarchiche, l’IFA, ha lanciato un appello per iniziative di solidarietà e lotta nella settimana dal 29 gennaio al 4 febbraio.
In moltissime località in ogni dove si terranno presidi, serate informative, raccolta fondi.
La nostra solidarietà attiva non è mai venuta meno in questi mesi. Il presidio di lunedì 29 si inserisce in un percorso di lotta cominciato in settembre e proseguito a ottobre e a dicembre .

Articoli di approfondimento:

Milano e Torino. Dov’è Santiago Maldonado? Le maglie di Benetton sono sporche di sangue

Santiago Maldonado, torturato ed ucciso dallo Stato

Argentina. Attacco alle comunità mapuche: un morto, due feriti, diversi desaparecidos

Argentina. La riforma delle pensioni passa in Parlamento. In migliaia provano ad assaltare il palazzo

 Per chi fosse interessato ai percorsi della Federazione Anarchica Torinese
riunioni ogni giovedì alle 21
corso Palermo 46 – a destra nel cortile –



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it