Skip to content


8 maggio – Il sogno nelle mani. Torino 1909-1922. Passioni e lotte rivoluzionarie nei ricordi di Maurizio Garino. Presenta il libro Marco Revelli

Martedì 8 Maggio
ore 21
in corso Palermo 46
presentazione del libro
curato da
 Guido Barroero e Tobia Imperato
IL SOGNO NELLE MANI

Torino 1909-1922. Passioni e lotte rivoluzionarie nei ricordi di Maurizio Garino
Interverrà Marco Revelli, autore dell’intervista da cui è tratto il libro

Maurizio Garino, sebbene sia stato uno dei principali protagonisti di quella stagione di lotte rivoluzionarie che portarono all’occupazione delle fabbriche, è oggi un “dimenticato”. Soltanto grazie alla lunga intervista realizzata nel 1975 da Marco Revelli si è potuta salvare questa importante memoria, che non investe solo la figura del protagonista ma abbraccia tutto un periodo di grandi passioni e speranze per l’emancipazione dei lavoratori. Garino, anarchico e dirigente FIOM, ci svela un mondo effervescente composto da quartieri popolari, da fabbriche e piccole officine, da Circoli operai e dalla Camera del Lavoro che costituiva il centro di questo universo. Quindi un’altra Torino, quella del Consigli di Fabbrica: rivoluzionaria, anarchica, socialista, anticapitalista, antimilitarista, anticlericale, operaia. Sono qui mirabilmente raccontati i due momenti più alti sul piano insurrezionale: i moti contro la guerra dell’agosto 1917 e l’occupazione delle fabbriche nell’estate del 1920. Emerge anche il rilevante ruolo degli anarchici in queste vicende e i rapporti che instaurarono con i futuri comunisti, in particolare con Antonio Gramsci, ricordato con grande affetto per le sue doti umane e intellettuali ma riconosciuto come avversario sul piano politico, in quanto sostenitore della dittatura del proletariato. Quindi anarchici e comunisti si ritrovarono compagni nel combattere il riformismo della CGdL, ma nella piena consapevolezza che all’abbattimento della società capitalista sarebbe inevitabilmente seguito uno scontro tra la concezione libertaria e quella statalista della rivoluzione.



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it