Skip to content


03 novembre – Punto info antimilitarista

Sabato 3 novembre
dalle 10 alle 13
Punto info antimilitarista al Balon – via Andreis angolo via Borgodora

4 novembre
Festa degli assassini
L’Italia è in guerra. Lo chiamano “peace keeping” ma è guerra. Là, in Afganistan, ogni giorno bombardano, uccidono, imprigionano, torturano. A morire sono uomini, donne e bambini. Ma che importa? Gli affari dei petrolieri e dei fabbricanti di armi vanno a gonfie vele.
Raccontano la guerra nella neolingua del peacekeeping, dell’intervento umanitario, ma la quotidianità è un’altra: i militari italiani combattono tutti i giorni, senza troppi riguardi per i la popolazione inerme.
Usano bombardieri e gli elicotteri d’attacco Agusta. Giocattoli mortali, capaci in pochi minuti di annegare nel fuoco un intero villaggio.
Ma qui, in Italia, si parla dell’Afganistan solo quando un ben pagato professionista ci lascia la pelle: un po’ di retorica su interventi umanitari e democrazia, Napolitano che saluta la salma, una bella pensione a coniugi e figli.
A Torino e in tante altre città da tre anni l’esercito pattuglia le strade. La chiamano sicurezza ma ha il sapore agre di un’occupazione militare. Il confine tra guerra “interna” e guerra “esterna” è ormai caduto. Nel mirino sono i poveri, gli immigrati, i rom, i senza casa, chi si ribella alla devastazione del territorio ed al saccheggio delle risorse.
In ogni angolo della penisola si militarizza il territorio e si trattano i cittadini in rivolta come delinquenti. È la guerra. La guerra interna. Serve anche questa a mantenere la pace, la pace sociale
I protagonisti sono i medesimi della Somalia, dell’Iraq e dell’Afganistan.
Sono i reduci dalla battaglia dei ponti di Nassirya, dove un’ambulanza con una partoriente venne crivellata di colpi, sono i reduci dell’Afganistan, dove sono normali le irruzioni nelle case e le uccisioni dei civili, sempre tutti terroristi, bambini compresi. Sono quelli della Somalia con le torture fotografate per diletto e vanteria. Sono assassini di professione.
La propaganda della paura, che ci vorrebbe nemici dei più poveri, degli ultimi arrivati costruisce il consenso intorno alla barbarie bellica. Stiamo sempre peggio, tra lavori precari e in nero, senza tutele e senza sicurezza, ma ci convinciamo che i nemici siano quelli che stanno peggio di noi, non i padroni che ogni giorno lucrano sulla nostra vita. Bisogna rompere la propaganda di guerra, costruendo ponti solidali tra gli oppressi e gli sfruttati. Un lavoro quotidiano, difficile, concreto.
I militari nelle città costano a noi tutti 62 milioni di euro l’anno.
La spesa militare aumenta ogni anno. I tagli nei servizi hanno finanziato l’acquisto di nuove armi. Con i soldi di uno solo dei novanta cacciabombardieri F35 acquistati dal governo si pagherebbero tante cose utili alla vita di noi tutti, non armi per ammazzare qualcuno dall’altra parte del mondo. Anche il bilancio della difesa è in costante aumento. Negli ultimi quattro anni soldati in strada, missioni all’estero, finanziamento per nuovi sistemi d’arma hanno assorbito una montagna di soldi. Li abbiamo pagati tutti noi di tasca nostra. L’Italia ha il record del costo più alto per i cittadini. La spesa militare complessiva si aggira intorno ai 30 miliardi di euro. Cifre da capogiro.
Provate a immaginare… cosa si potrebbe fare con quei soldi. Immaginate la scuola dei vostri figli, l’assistenza per gli anziani, i treni dei pendolari…
Nell’anniversario di quell’immane massacro che fu la prima guerra mondiale lo Stato Italiano festeggia le forze armate. Nel 2009 un gruppo di antimilitaristi fece una parata irridente e bruciò la bandiera italiana. Per questo gesto meramente simbolico 11 antimilitaristi sono sotto processo. Il compagno che ha bruciato la bandiera rischia sino a due anni.
Fare la guerra significa ammazzare, torturare, violentare, occupare città e paesi. Gli Stati trasformano una ginnastica di morte in attività onorevole, ben pagata. Chi lo dice rischia la galera.
Alla faccia degli altisonanti principi che sancirebbero la libertà di dire la propria.
Opporsi alla guerra senza opporsi al militarismo, senza opporsi all’esistenza stessa degli eserciti, vere organizzazioni criminali legali, è mera testimonianza.
Fermare la guerra, incepparne i meccanismi è un’urgenza che non possiamo eludere. A partire da noi, dal territorio in cui viviamo, dove ci sono caserme, aeroporti, scuole militari, fabbriche d’armi.
Nessuna pace per chi fa guerra!

Per info e contatti:
Federazione Anarchica Torino
corso Palermo 46 – ogni giovedì dalle 21
338 6594361 fai_to@inrete.it



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it