Skip to content


11 dicembre – Presidio all’aula bunker per il processo per terrorismo contro quattro No Tav

notavcant scrittaL’11 dicembre entrerà  nel vivo il processo d’appello contro Chiara, Claudio, Mattia e Nicolò, accusati di terrorismo per un sabotaggio.
Il processo, iniziato il 15 ottobre, venne sospeso in attesa delle motivazioni della sentenza della Cassazione, che il 16 luglio ha nuovamente negato il reato di terrorismo definito dall’articolo 270 sexies.
La Cassazione ha ancora una volta smentito la Procura di Torino, sostenendo l’incongruenza dell’accusa.
Nell’udienza dell’11 il Procuratore Generale Marcello Maddalena chiederà di poter introdurre nuovi documenti e nuovi testimoni.

Presidio venerdì 11 dicembre alle ore 9 all’aula bunker delle Vallette.

I quattro No Tav vennero condannati in primo grado a tre anni e mezzo, ma assolti  dall’accusa di terrorismo per un’azione al cantiere della Maddalena del 14 maggio 2013. Un compressore prese fuoco.
Un piccolo smacco che il governo e la magistratura non erano disposti a tollerare. Il movimento No Tav fece proprio quel sabotaggio, tassello in una lotta popolare nella quale tutti sono protagonisti.

Il Procuratore Generale Marcello Maddalena sarà in aula per sostenere le ragioni dell’accusa. Viene ribadita l’imputazione di attentato con finalità di terrorismo. La Procura di Torino non molla la presa.

“I processi ai No Tav sono processi contro ciascuno di noi. Con Chiara, Claudio, Mattia e Nicolò è alla sbarra tutto il movimento.
In questi anni di lotta durissima e di durissima repressione, non abbiamo mai accettato di trasformarci in meri testimoni dello scempio, perché siamo un movimento di resistenza attiva, perché le barricate, i sabotaggi, le occupazioni dell’autostrada, i blocchi alle trivelle, li abbiamo fatti tutti, chi in prima fila, chi impastando la polenta, chi ricostruendo un presidio bruciato.
Siamo tutti colpevoli. Colpevoli di non esserci arresi, colpevoli di continuare la lotta, colpevoli perché costruiamo insieme, giorno dopo giorno, generazione dopo generazione, il mondo che vorremmo.

Conquisteremo il futuro, perché stiamo liberando il nostro presente.

Siamo tutti Chiara, Claudio, Mattia, Nicolò, Lucio, Francesco e Graziano.”

(dal comunicato del Movimento No Tav)

Per approfondimenti ascolta l’intervista di ottobre a Eugenio Losco, avvocato del collegio difensivo dei No Tav. Sulle motivazioni della sentenza della Cassazione del 16 luglio qui puoi sentire il parere di Eugenio Losco per l’info di radio Blackout



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it