Skip to content


16 settembre – Una Barriera contro il fascismo

pioggiaIn Barriera tornano i comitati “spontanei” emanazione della destra razzista, che da qualche anno prova a mettere radici nelle nostre periferie. Questa volta ci provano quelli di Casa Pound. Nel mirino spacciatori e tossici, chi è senza casa e chi ne occupa una per viverci.

Venerdì 16 settembre ore 18 presidio in corso Palermo angolo via Baltea, nello stesso luogo dove alle 21 si sono dati appuntamento i fascisti.

Dalle 20 anche l’assemblea Antifascista ha lanciato un appuntamento in corso Giulio angolo Corso Palermo

Chi conosce la nostra Barriera, chi ha una certa età, sa bene che spacciatori e tossici in Barriera ci sono sempre stati.
Sa bene che i problemi di chi ci vive sono ben altri. Ben più importanti.
Il lavoro non c’è, e, quando c’è, è precario, pericoloso, malpagato. Il problema è il lavoratore immigrato che accetta salari e condizioni da paura, perché altrimenti rischia di essere ricacciato verso la miseria da cui è fuggito, o invece il padrone che lucra sulle vite di tutti?
Il governo sta facendo la guerra contro i poveri, italiani o immigrati che siano.
Il job act ha fatto piazza pulita delle poche tutele rimaste a chi lavora, lasciando mano libera ai padroni.
Le scuole scoppiano perché non ci sono le maestre, lasciate a casa per i tagli voluti dai governi di destra e di sinistra. Se hai un figlio disabile forse quest’anno non ha trovato più il sostegno di cui ha bisogno. Il problema sono i bambini e le bambine immigrati che hanno a loro volta bisogno di sostegno per imparare la lingua, o un governo che aumenta la spesa di guerra e riduce i servizi per le persone?
La salute è diventata un lusso che pochi possono permettersi. Il problema è il tossico che di notte si siede sugli scalini della mutua di via Montanaro o le attese di sei mesi per un’ecografia?
L’aria, nel quartiere più inquinato di una delle città più inquinate d’Europa, è diventata irrespirabile: in certe notti il lezzo degli scarichi industriali taglia il fiato e rovina la salute. Ma a lor signori nessuno presenta il conto per quelli di noi che si ammalano.

Vivere le periferie non è mai stato facile. Lo è ancor meno oggi. Governo e padroni negli ultimi decenni hanno reso sempre più dura la vita di tanti di noi. Troppi. Nell’affanno del lavoro che non c’è e, quando c’è, è sotto costante ricatto, la guerra tra poveri, alimentata dalla propaganda dell’emergenza e della paura, trasforma strade segnate dalla storia della guerra di classe, dall’orgoglio di chi lotta per il pane e per un futuro senza padroni, nel terreno di caccia di chi, sul razzismo, sulla paura dell’altro, ha costruito consensi e fortune.
Tossici e pusher, il babau di ogni periferia, pretesto per retate e controlli, li vogliono i governi di destra e quelli di sinistra. Il proibizionismo ingrassa le mafie ed alimenta il disagio di vivere.
Ma fa comodo, tanto comodo. L’ombra del pusher sotto casa nasconde la fatica di arrivare a fine mese, la difficoltà di pagare la mensa a scuola per i figli, il domani che prolunga un oggi di incertezze e paura. Paura vera, quella di una precarietà senza fine.
Ci serve sicurezza. Sì, ma quella vera. Quella di chi ha un futuro da consegnare ai propri figli. E, forse, se l’orizzonte chiuso della Barriera si aprisse, tanti ragazzi e ragazze non finirebbero negli angoli a cercarsi una dose.
Sì è tempo di riprendersi i quartieri. Rompendo la propaganda razzista e securitaria, puntando sulla solidarietà tra gli ultimi, spezzando il fronte della guerra tra poveri.
Ricordando che i nemici, quelli veri, sono i fascisti e i leghisti che vorrebbero disciplinare e stringere in una morsa di ferro tutti i poveri.
I nemici, quelli veri, sono quelli cui ancora troppe persone continuano a delegare il potere di governare le loro vite.
I nemici, quelli veri, siedono nei consigli di amministrazione delle fabbriche dove, generazione dopo generazione, la gente di Barriera ha consumato la vita per un pezzo di pane.

Federazione Anarchica Torinese
Corso Palermo 46 – riunioni – aperte a tutti gli interessati – ogni giovedì dalle ore 21



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it