Skip to content


Solidarietà con gli anarchici bielorussi in carcere

Click to visit the original post

Il 23 Settembre prossimo avranno luogo in Bielorussia le elezioni per il rinnovo del parlamento. La Bielorussia è uno Stato particolarmente autoritario, retto col pugno di ferro da Alexander Lukaschenko, un residuato dello stalinismo che mescola autoritarismo e capitalismo. Fra i detenuti politici che si trovano nelle carceri del Paese vi sono 6 compagni anarchici (Ihar Alinevich, Mikalai Dziadok, Artsiom Prakapenka, Pavel Syramolatau, Aliaksandr Frantskievich e Jauhen Vas’kovich), arrestati tra l’autunno 2010 e l’inverno 2011 e condannati nel Maggio 2011 a pene detentive che vanno dai 3 agli 8 anni con l’accusa di aver compiuto una serie di azioni dirette contro simboli del capitale e dello Stato. La vicenda legata alle azioni dirette in oggetto ed ai metodi inquisitori utilizzati dalle forze repressive bielorusse sono narrate in due documentari che consiglio di vedere per conoscere meglio i retroscena della vicenda:

– “Anarchy. Direct action. Impartial”, documentario in due parti realizzato dalla Anarchist Black Cross della Bielorussia nel 2011 ( qui la prima parte, qui invece la seconda) per attivare i sottotitoli in italiano cliccare sull’aposito tasto che si trova in basso a destra sulla schermata dei video);

Disregarding The Law(anche qui è possibile attivare i sottotitoli, stavolta in inglese).

Nell’Agosto di quest’anno l’Internazionale delle Federazioni Anarchiche, su invito della Croce Nera Anarchica bielorussa, ha lanciato un appello per una mobilitazione internazionale dal 22 al 23 Settembre a favore dei prigionieri politici detenuti nel Paese. Attualmente l’Unione Europea esercita pressioni sul governo di Lukaschenko affinchè liberi i prigionieri politici, uno status che dall’Ottobre 2011 riguarda anche i sei compagni anarchici in questione grazie al riconoscimento da parte di organizzazioni per i diritti umani. Finora Lukaschenko ha “graziato” 30 prigionieri politici dopo che questi avevano avanzato una richiesta ufficiale di perdono con implicita ammissione di colpa a lui personalmente indirizzata, cosa che gli anarchici rifiutano di fare. A Lukaschenko interessa uscire da vincitore in questa situazione, evitando sanzioni politiche o economiche da parte dell’UE e cercando di far passare la liberazione dei detenuti politici come un suo personale atto di benevolenza che implica la richiesta personale ed il pentimento. Ma i compagni anarchici non sono merce da barattare sul tavolo delle trattative tra burocrati di questo o quell’altro Stato, perciò è richiesta la nostra solidarietà attiva. L’Internazionale delle Federazioni Anarchiche saluta positivamente qualsiasi azione solidale per la liberazione dei compagni in Bielorussia a partire da ora, fino alle giornate del 22/23 Settembre ed eventualmente anche oltre.



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it