Skip to content


13 novembre. Trivelle a Susa, valle militarizzata. Appuntamento di lotta alle 17

Nella notte tra il 12 e il 13 novembre decine di blindati e centinaia di uomini in armi hanno militarizzato l’area tra la borgata Tra due Rivi e S. Giuliano di Susa. La zona dell’autoporto è completamente bloccata dai mezzi della polizia, che sorvegliano tre trivelle portate nella notte in Val Susa.
Ieri il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri non si è fatta vedere né al Municipio di Chiomonte, né al cantiere/fortino di Clarea. Nonostante avesse annunciato da tempo la data all’ultimo ha dato forfait, con il pretesto di altri impegni.
Il sindaco Pinard si è dovuto accontentare di un invito alla riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza tenutasi in prefettura a Torino.
All’appuntamento erano invece presenti i No Tav, che hanno presidiato sia la zona del Municipio a Chiomonte sia l’area del cantiere/fortino della Maddalena.
La mossa del ministro non si è fatta attendere. Sin dalla serata le strade e l’autostrada sono state trapuntate dalle luci blu dei lampeggianti. In nottata il blitz con le trivelle.
Si trivella in zone ben note, dove non servono sondaggi. Ma questo – è chiaro – è l’ennesimo sondaggio politico, per saggiare e spezzare la resistenza No Tav. 
In vista del vertice tra Monti e Hollande fissato per il 3 dicembre a Lyon il governo italiano vuole dimostrare di avere sotto controllo la situazione anche nell’area dove dovrebbe sorgere il mega cantiere per il tunnel di base. Non solo. Mercoledì 21 novembre comincia il processo ai No Tav per lo sgombero della Libera Repubblica della Maddalena e per la manifestazione della settimana successiva: il governo vuole dare una ulteriore prova di forza.
Sarà un buon banco di prova per una lotta che – inutile illudersi – non si combatterà nella trincea di Clarea ma per le strade della Val Susa. E non solo.

Appuntamento oggi – 13 novembre – ore 17,30 al presidio di Susa – zona San Giuliano all’uscita dell’autostrada.
per evitare blocchi e rallentamenti si consiglia di ascoltare radio blackout sui 105,250 delle modulazioni di frequenza



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it