Skip to content


21 febbraio – La seduzione tricolore. Dai forconi alle celebrazioni della grande guerra: l’illusione nazionalista

patriaMuri, frontiere e barriere. Dai forconi alle celebrazioni della grande guerra: la grande illusione del nazionalismo ai tempi dell’economia globalizzata e della governance mondiale nell’Europa delle polizie.

La paura genera mostri.
La crisi, l’estendersi della disoccupazione, la precarietà come orizzonte normale, la perdita di tutele da parte di ceti impoveriti e rancorosi, favoriscono la chiusura identitaria. Tornano le patrie, le bandiere, la voglia di serrare le porte.
Quando l’internazionalismo degli sfruttati e degli oppressi non è lessico comune, aspirazione capace di liberare, utopia concreta, tornano i fantasmi della nazione, dell’identità che si alimenta dell’esclusione, della fantasia del capitalismo “buono” che sconfigge la finanza “cattiva”.
La destra trae linfa vitale da questa diffusa seduzione nazionalista. Tra Grecia, Francia e Italia tira un’aria grama.

Ne discuteremo insieme
venerdì 21 febbraio
ore 21
in corso Palermo 46
Introdurrà la serata Pietro Stara



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it