Skip to content


Quella notte c’eravamo tutti. Assemblea No Tav a Bussoleno

no-tav-bandiera-terrostatoFolla delle grandi occasioni al Polivalente di Bussoleno. Lunedì 20 il popolo No Tav ha salutato con un lungo, caloroso applauso, i tanti No Tav sotto processo per la resistenza all’imposizione di un’opera inutile e dannosa.
A dicembre potrebbe essere emessa la sentenza per il sabotaggio del 14 maggio 2013 al cantiere di Chiomonte. L’imputazione, nonostante la sentenza della Cassazione abbia smentito tribunale del riesame, è ancora di “attentato con finalità di terrorismo”. L’accusa di terrorismo vale di per se decine di anni: quella di attentato può comunque sfociare in lunghe condanne detentive.
Difficile dubitare che i due PM incaricati, Andrea Padalino e Antonio Rinaudo rinunceranno a chiedere condanne esemplari, perché colpendone quattro sperano di atterrarne migliaia.
A gennaio si concluderà anche il processo per i resistenti della Maddalena del 27 giugno e 3 luglio 2011: per loro Pedrotta e Quaglino hanno chiesto sino a sei anni di reclusione, l’avvocatura dello Stato pretende risarcimenti per un milione, duecentomila e rotti euro.
L’assemblea di Bussoleno, un primo incontro per decidere il programma delle iniziative di solidarietà, ha dato un segnale forte e chiaro. Nessuno verrà lasciato indietro.
Tra le iniziative proposte una giornata di lotta, città per città, il 22 novembre, dopo la requisitoria di Rinaudo e Padalino, un’iniziativa in valle intorno all’8 dicembre, ottavo anniversario della liberazione di Venaus, e, tutta da preparare, un’iniziativa di lotta e solidarietà quando il tribunale si sarà pronunciato.
L’info di Blackout ne ha parlato con Alberto Perino, collegato con la radio dai cancelli della centrale, dove, come ogni mercoledì, c’è stata una colazione di lotta, di fronte all’ingresso dell’area occupata.
Dal 27 giugno 2011, nonostante strada dell’Avanà e il piazzale dell’ormai ex-museo archeologico , siano lontani da un cancello ben cintato, area è occupata militarmente.
Ne abbiamo profittato per commentare la notizia che il presidente del consiglio Matteo Renzi, dopo aver annunciato per giovedì una visita al salone del gusto e al cantiere di Chiomonte, ha fatto nuovamente retromarcia.
Ascolta la diretta

Posted in Inform/Azioni, no tav, repressione/solidarietà.

Tagged with , , , , .



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it