Skip to content


Milano. Corteo per la liberazione dei prigionieri politici in Turchia

Si è tenuta sabato 11 febbraio a, la manifestazione nazionale indetta dagli organismi di rappresentanza della comunità curda in Italia per la liberazione di Ocalan e di tutti i prigionieri politici in in contemporanea con quella che si teneva a Strasburgo.

Un corteo vivo, partecipativo, denso di slogan e di comizi volanti – forte della presenza dei numerosi curdi giunti, con diversi autobus, da varie parti d’Italia (Roma, Firenze, Torino, Napoli, ecc.) e di quella di numerosi solidali (gruppi, partiti, centri sociali, sindacati) – ha percorso le vie del centro di Milano, partendo da Porta Venezia per concludersi a Largo Cairoli, ove si sono tenuti i comizi finali.

Al corteo ha partecipato oltre un centinaio di anarchiche e – provenienti anche da altre città, Alessandria, Livorno, Torino, Trieste, Cremona, Bergamo, Roma, Ragusa… – che ha dato vita ad un vivace spezzone rossonero, a dimostrazione dell’impegno che da tempo il movimento libertario sta riversando a favore della lotta di resistenza nelle zone liberate della , contro la brutale repressione esercitata dal regime di Erdogan, in solidarietà del movimento anarchico turco. In particolare è stato ricordato il caso del periodico anarchico Meydan e del compagno anarchico Umut Firat che con l’arma dello sciopero della fame ha inteso protestare contro il brutale trattamento e le torture che i detenuti subiscono nelle carceri.

L’ANSA non ha mancato di dimostrare la sua parzialità nel fare la cronaca del corteo: i 4-5 mila partecipanti sono stati derubricati ad “alcune centinaia”, notizia poi ripresa da tutta la stampa mainstream.

“Contro il silenzio complice” titolava il volantino della FA di Milano distribuito in centinaia di copie; ne abbiamo avuto un’ulteriore dimostrazione.

Qui trovi il volantino diffuso

Qui l’appello per lo spezzone rossonero

Qui la mozione del convegno della FAI a sostegno della DAF

Posted in anarchia, Inform/Azioni, internazionale.

Tagged with , , , , , , , .



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it