Skip to content


Riforma del processo penale. Avvocati in sciopero

Nuovo sciopero degli avvocati penalisti, dal 10 al 14 aprile, contro il progetto di riforma del processo penale e contro la decisione di porre la fiducia anche alla camera.
Oggi a Bologna è prevista una manifestazione che percorrerà il centro cittadino. A Milano i penalisti in toga manifesteranno sulla scalinata del Palagiustizia del capoluogo meneghino.

Nel pacchetto preparato dal titolare del dicastero della Giustizia Orlando c’è un insieme composito di norme, che riducono il diritto alla difesa di chi finisce alla sbarra.
L’estensione della prescrizione per i reati minori da sette anni e mezzo a dieci anni ha il chiaro sapore della risposta alle pulsioni giustizialiste che attraversano alcuni settori sociali, che fanno le fortune elettorali di pentastellati, leghisti e fascisti. Dopo i decreti legge sulla sicurezza urbana e l’immigrazione il governo gioca una nuova carta in vista delle prossime elezioni.
Il test delle amministrative avrà un certo peso per la durata del governo Gentiloni.

Al prolungamento di tre anni della prescrizione si aggiungono gli inasprimenti delle pene per i reati dei poveri, come furti e rapine, la riduzione dei margini per presentare appello alle sentenze, l’estensione a numerose tipologie di reato del processo in video conferenza, la cui attuazione passa dalla discrezionalità del giudice all’applicazione automatica.

I penalisti in sciopero denunciano la distorsione autoritaria del processo, in cui vengono meno importanti forme di tutela delle persone sottoposte a giudizio nei tribunali.
Per chi è alla sbarra è importante la presenza dell’avvocato, ma anche la possibilità di avere un ruolo attivo, di difendersi personalmente, di presentarsi al processo e fare dichiarazioni spontanee.
Il pretesto del “risparmio” sulle spese di traduzione dal carcere al tribunale è una foglia di fico, perché i processi in videoconferenza necessitano che nelle carceri vengano installate costosi apparecchiature.

L’info di Blackout ne ha parlato con Eugenio Losco, avvocato in sciopero.

Ascolta la diretta

Posted in controllo, Inform/Azioni, repressione/solidarietà.



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it