Skip to content


CIE. Cosa bolle nella pentola del governo?

no-cie Riportiamo in questa pagina in costante aggiornamento le cronache e le riflessioni delle ultime settimane sul fronte del CIE, per cercare di capire cosa stia davvero bollendo nella pentola del governo, dopo la campagna mediatica che ha ri-messo al centro dell’attenzione i centri per senza carte, le leggi razziste del nostro paese, la difficoltà del governo a fare fronte ad una spesa enorme, tra gestione dei centri, esplulsioni, ritrutturazioni continue dei CIE danneggiati o distrutti dalle rivolte. Siamo convinti che il governo intenda liberarsi della patata bollente, facendo sì che tutto cambi, affinché tutto resti come prima.
Proviamo a vedere come, andando oltre i toni intollerabilmente melensi dei media.
29 gennaio. In quest’articolo un tentativo di fare il punto della situazione, mettendo insieme gli eventi dell’ultimo mese e mezzo ed alcune ipotesi.

24 gennaio. Riesplode la lotta al CIE di Ponte Galeria a Roma. 20 reclusi in sciopero della fame, nella speranza che, come per alcuni reclusi nel CIE di Pian del Lago, si aprano le porte della prigione. A Pian Del Lago, l’ultimo CIE siciliano rimasto aperto, il giorno prima alcuni immigrati erano stati liberati per far posto ai reduci della rivolta del 19 gennaio a Torino. Il giorno successivo si diffonde la notizia che 13 reclusi hanno deciso di cucirsi la bocca. I media, come già accaduto a dicembre, danno un discreto rilievo alla notizia. 

22 gennaio.Chiude per ristrutturazioni il CIE di Trapani Milo. Se ne parlava da qualche settimana, ma solo oggi arriva la conferma della decisione di chiudere per “rendere più sicura” la struttura. Muri più alti, centraline elettriche lontane dalle mani dei reclusi, ristrutturazione delle tante aree danneggiate da anni di rivolte.
Durante i lavori il prefetto, Leopoldo Falco, potrà cercare di risolvere la difficile questione della gestione della struttura, sino ad oggi saldamente in mano alla famigerata cooperativa “Oasi”, dopo la rinuncia della cooperativa “Glicine”, che aveva vinto l’appalto.

19 gennaio. Nel CIE di Torino vanno a fuoco i moduli abitativi dell’area rossa. I prigionieri delle due camerate sono stati spostati nella mensa dell’area gialla, che si era salvata dalla rivolta del 15 gennaio, quando sono bruciate le aree gialla e viola. In tutto il Centro non ci sono stanze libere. Tutte le aree maschili sono gravemente danneggiate: la viola è completamente distrutta, nella gialla resta in piedi solo la mensa, nella bianca e nella rossa c’è soltanto una stanza, nella blu ne restano due. Contando la quindicina di reclusi nelle celle di isolamento, nel CIE ci sono soltanto una sessantina di reclusi: meno di un terzo di quelli che la struttura potrebbe contenere se funzionasse a pieno regime.

15 gennaio. Una rivolta scuote il CIE di Torino, dopo le espulsioni di una ventina di nigeriani il giorno precedente. Vanno a fuoco i materassi nell’area gialla e in quella viola. I reclusi trascorrono la notte nella saletta mensa.

13 gennaio. Notizie stampa riferiscono di una possibile chiusura del CIE di Trapani Milo per consentire l’avvio di lavori di ristrutturazione per per 600.000 euro. Lo scopo esplicito è aumentare i dispositivi di sicurezza per rendere più difficili rivolte e fughe.

28 dicembre. Il CIE di Modena, chiuso da mesi in attesa di ristrutturazione, non riaprirà più. I lavori previsti non prenderanno avvio. Lo ha annunciato il Prefetto della città. Dopo 11 anni il CIE dove venivano spediti gli immigrati che più si erano distinti nelle lotte, chiude i battenti.

A Milano invece la struttura di via Corelli è stata completamente vuotata in vista della ristrutturazione.

25 dicembre. Il principale quotidiano spagno, “El Pais” pubblica in prima pagina la “notizia” della rivolta che sta squotendo il CIE italiani. I media francesi a loro volta danno ampio spazio alle vicende italiane. La lotta durissima degli immigrati senza carte che in tanti anni affogava nel silenzio, all’improvviso e non certo per caso travalica i confini nazionali.

24 dicembre. Mentre il governo si esibisce in promesse la vita pressata dietro le sbarre urge.

A Roma, dove i reclusi con la bocca cucita erano diventati dieci, sono cominciate le prime, veloci esplusioni di chi lotta.

A Lampedusa, dove continua la protesta del deputato PD autorecluso nel CIE, sono cominciati, dopo tre mesi, i trasferimenti sulla terraferma degli scampati al naufragio.
Il quotidiano “La Stampa” ci serve in prima pagina alcune storie di vite spezzate, di profughi scampati al mare.

A Bari i reclusi danno vita ad una rivolta durissima.

A Torino i reclusi sono in sciopero della fame dopo un feroce pestaggio fatto nel settore femminile del giorno prima. Per “punire” una donna nigeriana che aveva morso il dito di un agente, i poliziotti avevano pestato a sangue tutte le nigeriane recluse. La ragazza del morso è stata successivamente trasferita in isolamento.

23 dicembre. Questa mattina quotidiani ed agenzie hanno battuto la notizia che il governo avrebbe deciso di ridurre ad un mese il tempo di reclusione nei CIE prima dell’espulsione.
Ancora non è chiaro se faranno un decreto legge o presenteranno in Parlamento una proposta di legge più organica. Il primo ministro Enrico Letta, nella conferenza stampa di fine anno, ha dichiarato che “La discussione della Bossi-Fini sarà uno dei temi di gennaio e il governo ha anche intenzione di mettersi al lavoro subito per una revisione degli standard dei Cie” aggiungendo: “dobbiamo essere più efficaci anche nell’espletamento delle pratiche burocratiche”.
Se la detenzione nei CIE fosse ridotta ad un mese, come nel 1998, quando la Turco-Napolitano li istituì sarebbe comunque una bella notizia. Non bella come la fine della reclusione amministrativa ma comunque positiva. Anche se, ricostruendo gli avvenimenti degli ultimi mesi, la situazione potrebbe essere meno rosea di quanto appare.
Di un fatto siamo sicuri. Se davvero venissero cancellati i 18 mesi di CIE questo non sarebbe certo dovuto alla buona volontà del governo, ma alle lotte degli immigrati, che in questi anni li hanno fatti a pezzi, pagando un prezzo durissimo. Botte, umiliazioni, arresti, condanne.

Che qualcosa bollisse nella pentola del governo sul tema immigrazione era chiaro sin dal 3 ottobre con la strage di Lampedusa.
Il modo in cui venne trattata la vicenda, le prime dichiarazioni di Letta sulla volontà di superare la Bossi-Fini, erano i primi segnali di un campagna politico mediatica che preparava il terreno all’annuncio di oggi.

Mentre le notizie sulla situazione al limite del collasso nei CIE erano tenute in sordina, all’improvviso l’immigrazione era trattata in modo diverso dal passato.
Di seguito una rapida ricostruzione degli eventi degli ultimi giorni e qualche ipotesi sugli scenari che potrebbero aprirsi.

22 dicembre. Un deputato del PD, Khalid Chaouki, dopo una visita al Centro di prima accoglienza di Lampedusa, ha deciso di non andarsene, facendosi rinchiudere con i profughi dimenticati lì da mesi. Tra loro i superstiti del naufragio del 3 ottobre, che suscitò commozione ed indignazione anche istituzionale, ma, al di là della pubblica esibizione di cordoglio, delle promesse di superamento della Bossi-Fini, nulla è cambiato. Chaouki ha dichiarato che non se ne sarebbe andato finché i reclusi non fossero stati trasferiti in un CARA.

21 dicembre. Quattro immigrati si sono cuciti le bocche per protestare contro il prolungarsi della detenzione nel CIE di Ponte Galeria a Roma. Immediatamente il quotidiano “La Stampa” ha pubblicato la notizia con il massimo del rilievo e il titolo “protesta choc”. Chi segue da anni le lotte degli immigrati nei CIE della penisola non può che constatare amaramente che si tratta di uno “choc” a scoppio ritardato, uno “choc” mediatico, studiato a tavolino per aprire la strada a qualche provvedimento sui CIE. Sono anni che gli immigrati si cuciono la bocca per protesta, sono anni che dai CIE filtrano le immagini che riprendono le bocche serrate da fili robusti, ferite dall’ago, simbolo di una resistenza che cerca di spezzare il silenzio. Inutilmente. A Torino nel lontano 2009 alcuni compagni fecero iniziative perché si parlasse di quelle bocche cucite, di quelle bocche serrate perché anche le urla si schiantano sul muro dell’indifferenza. I media parlarono del dito e nascosero la luna.
Oggi tutto sembra cambiato.
L’atteggiamento nei confronti dell’immigrazione clandestina si sta modificando. Sospettiamo tuttavia che probabilmente tutto debba cambiare, perché tutto resti come prima.

Anarres ne ha discusso con Federico, un compagno impegnato da anni nella lotta contro i CIE.
Ascolta la chiacchierata.

Proviamo insieme a fare il punto.
Le galere per immigrati senza carte nell’ultimo anno si sono dimezzate. Ne rimangono aperte solo sei (Torino, Milano, Roma, Trapani Milo, Pian Del Lago, Bari), le altre sono state, una dopo l’altra, bruciate e fatte a pezzi dai reclusi. Il governo ha dovuto chiudere i CIE di Gradisca, Trapani Vulpitta, Bologna, Modena, Crotone. Ufficialmente sono tutti in attesa di ristrutturazione, ma non c’é nessuna notizia certa su una possibile riapertura.
Tutti i CIE ancora aperti sono stati a loro volta gravemente danneggiati dalle continue rivolte, la conclusione è una sola: la macchina delle espulsioni è ormai al collasso.
In base ai dati, ormai calcolati per difetto, dello stesso Viminale, degli oltre 1800 posti dei CIE ne sarebbero ancora agibili meno della metà ed effettivamente riempiti nemmeno un terzo.
Il governo tace, gli specialisti della guerra contro i poveri sono alle prese con la rovina dei loro leader, i poliziotti premono perché non ne vogliono più sapere di fare i secondini nei CIE, dove si rischia di incappare nella rabbia di chi si vede sfilare la vita giorno dopo giorno. Il CIE è un limbo, che precede la deportazione, una sala d’aspetto con sbarre e filo spinato in attesa di un treno che nessuno vuole prendere.

Si dice che a gennaio possa riaprire il Centro di Bologna e successivamente la struttura modenese ma ancora non si sa chi verrà chiamato a gestirli dopo il disastro della cooperativa Oasi, che si era aggiudicata l’affare vincendo la gara d’appalto con un ribasso enorme rispetto alla precedente gestione della Misericordia di Giovanardi.
A Santa Maria Capua Vetere (Caserta) e Palazzo San Gervasio (Potenza) potrebbero sorgere due nuovi CIE, dopo l’avventura presto finita dell’emergenza Nordafrica.
Il governo ha stanziato 13 milioni di euro ma non si sa se i lavori abbiano preso l’avvio e che punto siano.

Numerosi segnali indicano che la ricetta individuata dal governo potrebbe essere decisamente più complessa del “semplice” riattamento dei CIE distrutti e dell’eventuale apertura di nuove strutture.

La decisione di spedire gli immigrati reclusi nelle patrie galere a scontare gli ultimi due anni nei paesi d’origine assunta con il decreto svuotacarceri prenderebbe due piccioni con la solita fava. Alleggerire il sovraffollamento carcerario e, nel contempo, evitare il trasferimento nei CIE e la trafila del riconoscimento espulsione dell’immigrato. Difficile dire se funzionerà, perché molto dipende dalla disponibilità dei paesi di emigrazione ad accettare questo pacco/dono dall’Italia.

A fine novembre il governo Letta ha stipulato un nuovo accordo con la Libia per il controllo congiunto delle frontiere: droni italiani nel sud della Libia, militari libici e bordo delle unità della marina militare impegnate nell’operazione Mare Nostrum.

Al ministero stanno studiando la possibilità di introdurre dei secondini privati per le funzioni di sorveglianza a diretto contatto con i reclusi.
Qualche solerte e sinistro esperto del business dell’umanitario, come il consorzio Connecting People, propone di trasformare i CIE in campi di lavoro.

Il quadro che ne emerge ci pare chiaro. Outsourcing della repressione alla frontiera sud, riduzione degli internati con il trasferimento anticipato dei carcerati nei paesi d’origine, accoglimento delle proteste dei poliziotti, in parte esonerati dal compito di secondini, probabilmente una maggiore attenzione alle prescrizioni della direttiva rimpatri. La riduzione del periodo di detenzione ed esplulsioni più veloci sembra essere la ricetta del governo per evitare di spendere altri soldi per la ristrutturazione di centri che, prima o dopo, gli immigrati danno alle fiamme. Per condire il tutto un pizzico di umanità in più (se trovano i soldi).

Una polpetta avvelenata e uno zuccherino. Niente da eccepire: Letta dimostra un’abilità degna dei vecchi democristiani.