Skip to content


Gioco delle tre carte in tribunale

Pagliacci1.05 pLunedì 14 gennaio. In tribunale riprende il processo contro gli antifascisti accusati di furto aggravato per aver strappato manifesti fascisti. Una farsa che avrebbe dovuto chiudersi mesi fa, quando gli stessi fascisti sostennero che i manifesti erano stati strappati e non rubati. Ma il giudice ha deciso di procedere ugualmente.
Inizialmente in aula non c’è nessuno, poi arrivano i primi compagni reduci dalle cariche di Porta Susa, dove la polizia usato il manganello contro i No Tav che manifestavano contro Monti e Moretti all’inaugurazione della nuova stazione di Porta Susa.
Tutti sono increduli di fronte al gioco delle tre carte proposto dalla parte civile.
L’avvocato che difende gli interessi del partito “La Destra” tira fuori uno stampato A4 che rappresenterebbe il manifesto strappato. Inutile dire che questo presunto manifesto è del tutto diverso da quello depositato agli atti dal PM, un testo che allude in maniera decisamente più soft al ventennio.
La PM disconosce il manifesto da lei stessa depositato agli atti e assume quello nuovo.
L’avvocato dei compagni ovviamente si oppone al cambio di “corpo del reato”.
Il giudice ancora una volta tentenna, ma alla fine come da copione ormai noto concede all’accusa tutto quello che chiede.
La farsa prosegue il 30 aprile alle 12,30 in aula 55.
Quale coniglio uscirà dal cappello?

Posted in antifascismo, Inform/Azioni, repressione/solidarietà, torino.

Tagged with , , , .


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

Continuing the Discussion

  1. Torino. Assolti gli Antifascisti | O capitano! Mio capitano!... linked to this post on 29 ottobre 2013

    […] Si è concluso il processo a quattro Antifascisti accusati inizialmente di furto aggravato per aver strappato manifesti inneggianti alla marcia su Roma. […]



Roviniamo la vetrina dei padroni del mondo! No al G7! Un mondo senza sfruttati né sfruttatori, senza servi né padroni, un mondo di liberi ed eguali è possibile. Tocca a noi costruirlo. Ecco gli appuntamenti per gli spezzoni rossoneri: Venerdì 29 settembre ore 17,30 Corteo dei lavoratori e delle lavoratrici contro il G7 Partenza da Corso G. Cesare n. 11, vicino a Porta Palazzo (ex stazione Torino-Ceres) assemblea finale ai giardinetti tra corso Giulio e via Montanaro Sabato 30 settembre ore 14 Corteo contro il G7 Ritrovo quartiere Vallette in direzione Reggia di Venaria per approfondimenti leggi quest'articolo per info: fai_to@inrete.it